Carrefour: la truffa corre sul web.



In queste prime tre settimane del 2014 le mie caselle di posta elettronica, infatti, sono state oggetto delle “premurose attenzioni” di due banche (con le quali non ho nessun rapporto) e di alcuni messaggi che mi proponevano i”soliti” soldi facili e senza fatica. Fra i siti che visito e consiglio di consultare periodicamente per evitare di cadere nelle trappole predisposte dai pirati informatici, c’è quello della Polizia Postale che segnala una nuova tipologia di truffa informatica che sfrutta il nome della catena di supermercati Carrefour.

La formula, collaudata, è quella del sito clone, dove l’utente è indirizzato per acquistare, con uno sconto fra 400 e 200 € una carta prepagata per la spesa nei supermercati Carrefour del valore fra i 300 e i 500 euro. Inutile dire che il pagamento deve essere immediato, tramite carta di credito, e che l’ignaro internauta non solo non vedrà mai la carta prepagata ma che rischia seriamente di vedere comparire nell’estratto conto prelievi di denaro non autorizzati che potrebbero azzerare il conto.

La fantasia dei pirati che hanno sfruttato il nome Carrefour è arrivata a spiegare, per rendere più credibile la cosa, che lo sconto dell’ottanta percento sarà erogato dal Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi del Decreto Legge 8 aprile 2013, n. 35 che contiene provvedimenti in materia di aiuti alle famiglie. Le autorità competenti e la magistratura stanno indagando per scoprire gli autori della truffa mentre sia il Ministero dello Sviluppo Economico, sia Carrefour hanno emesso comunicati Web per mettere in guardia gli utenti.

Carrefour precisa, infatti, che la carta SpesAmica (un gran bel nome, purtroppo falso come una banconota da tre euro) non solo non esiste ma che poiché sul suo sito non è previsto l’acquisto online, i dati personali e sensibili degli utenti e i numeri della carta di credito non sono mai richiesti in nessuna pagina del suo sito ufficiale raggiungibile, esclusivamente dagli indirizzi www.carrefour.it e www.carrefouritalia.it.

Anche il Ministero dello Sviluppo ha diffuso sul Web una nota che si riferisce alla truffa Carrefour con la quale invita gli utenti a usare la massima cautela nel fornire dati personali e sensibili e a consultare il sito mise.gov.it per essere aggiornati su iniziative che eventualmente prevedano l’intervento del governo.

Virus