Chrome e IE: bloccare siti per adulti o pericolosi per bambini



Insieme a Firefox, Chrome ed Internet Explorer sono i browser più utilizzati dagli utenti di America ed Europa. Internet Explorer ha senz’altro aperto i giochi tantissimi anni fa ma negli anni i rivali sono arrivati in grande stile per contendersi lo scettro di miglior browser della nuova era del web.

Il mondo di internet, tra l’altro, non conosce limiti e – nonostante le diverse tipologie di ricerca introdotte da Google e la successiva pulizia che lo stesso colosso di Mountain View ha fatto nei risultati delle sue ricerche – le minacce sono dietro l’angolo.

Ad essere più pericolosi sono i siti per adulti e tipologie di pagine ad essi simili. Lungi dal fare un falso moralismo – ognuno, in età adulta, è libero di fare ciò che vuole – la preoccupazione qui esposta riguarda i più piccoli. Siti a rischio, infatti, sono quelli che potrebbero turbare o – quel che è peggio – adescare i più piccoli con effimere immagini.

Ebbene, sia Chrome che Internet Explorer hanno dei filtri utili per bloccare siti del genere anche se ovviamente il risultato non è garantito al 100 %. Per IE, ad esempio, basta attivare il controllo genitori generale previsto da Microsoft già all’interno dell’area Start per avere il risultato sperato.

Nelle impostazioni di Chrome, invece, è possibile scovare il codice da inserire accanto all’URL per ottenere il blocco dei siti per adulti. Il consiglio, in ogni caso, è quello di seguire i più piccoli durante il loro primo approccio ad un pc. In questo modo sarà più semplice aiutarli a sfruttare le potenzialità del web.

 

Sebita_P6290063