Il Doodle di Rubik: il cubo nella home page di Google



Coloro i quali, alla mezzanotte di oggi, hanno scoperto il doodle dedicato al cubo di Rubik in occasione dei suoi 40 anni nella Home Page di Google… avranno passato senz’altro una notte insonne! Big G, infatti, ha pensato bene di omaggiare il celebre rompicapo tridimensionale con un logo ad hoc che è anche un gioco virtuale: cliccandoci su, infatti, si accede al gioco più famoso del mondo anche se soltanto in formato virtuale.

Tassello su tassello, l’utente potrà risolvere l’intricato cubo ungherese lungo tutto l’arco della giornata. Ottimo lo spunto che offre Wikipedia per scoprire la storia di uno dei giochi più stimolanti degli ultimi anni:

<<Il cubo di Rubik o cubo magico (Rubik-kocka in ungherese) è un celebre rompicapo (in particolare un twisty puzzle) inventato dal professore di architettura e scultore ungherese Ernő Rubik nel 1974. Chiamato originariamente Magic Cube (Cubo magico) dal suo inventore, il rompicapo fu rinominato in Rubik’s Cube (Cubo di Rubik) dalla Ideal Toys nel 1980 e nello stesso anno vinse un premio speciale dalla giuria dello Spiel des Jahres in Germania, unico solitario premiato nella storia del premio.

È il giocattolo più venduto della storia, con circa 300 milioni di pezzi venduti, considerando anche le imitazioni. Il Cubo di Rubik presenta 9 quadrati su ognuna delle sue 6 facce, per un totale di 54 quadrati. Solitamente i quadrati differiscono tra loro per il colore, con un totale di 6 colori differenti. Quando il Cubo di Rubik è risolto, ogni faccia ha tutti i nove quadrati dello stesso colore.

Nel 2005 è stata presentata una versione speciale del cubo, con il logo ufficiale – Rubik’s Cube 1980-2005 – stampato su un quadrato di colore bianco>>.

 

480px-Rubik's_cube.svg