GlassUP: caratteristiche e pregi



Avete mai sentito parlare dei GlassUP? In molti li hanno già definiti gli anti Google Maps per eccellenza: stiamo parlando degli occhiali interattivi interamente ideati in Italia; una sorta di device che, però, nei fatti si dimostreranno alquanto diversi dagli smart-watch progettati da Big G.

I nuovissimi GlassUP, infatti, hanno una forma molto simile a quella dei normalissimi occhiali da vista e vogliono in realtà essere pensati dagli utenti semplicemente come un secondo schermo per i device mobili. A conti fatti, dunque, i GlassUP non produrranno vere e proprie informazioni ne svolgeranno le funzioni proprie di uno smartphone o di un tablet; essi, dunque, si occuperanno per lo più di ricevere i contenuti normalmente presenti sui device degli utenti.

i GlassUP si connettono ai device personali di ogni utente sfruttando la connessione Bluetooth: sono compatibili sia con iOS che con Android e questo li rende facilmente utilizzabili dalla stragrande maggioranza degli utenti occidentali.

Per interagire con i device l’utente potrà sfruttare le aste touch degli occhiali senza bisogno di avvicinare smartphone o tablet ai GlassUP. Il made in Italy, inoltre, ha pensato di introdurre all’interno di questi nuovissimi occhiali anche alcuni sensori utili come accelerometro, bussola, altimetro, sensore di luce ambientale.

Come dicevamo in incipit, gli occhiali appena esaminati sono ben diversi dai Google Glass anche se Big G già promette battaglia per il Brand. Il loro pregio è senz’altro la possibilità di visualizzare i contenuti dei propri device mobili in maniera rapida e veloce.

Al tempo stesso, però, essi stessi corrono il rischio di avere funzioni oltremodo limitate. Bisogna, dunque, ancora conoscere il prezzo per ottenere un quadro d’insieme più attendibile.

 

glassup