Maturità 2.0: via al toto traccia online



L’esame di Maturità 2.0 entra nel vivo: voluto dal Ministro Profumo, mercoledì 18 giugno prenderà il via con la prima prova di italiano come di consueto. Tante le emozioni, molte anche le perplessità, per un cambiamento che – dicono – farà risparmiare al MIUR (Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca) un bel po’ di milioni di euro.

I temi, così come le tracce delle prove successive, con la maturità 2.0 viaggeranno in un file crittografato a doppia chiave che sostituisce i famosi e vecchi plico con tanto di ceralacca. Le tracce, dunque, nascono direttamente al Ministero tenendo conto dei programmi e della contemporaneità delle tematiche da trattare.

Il Ministero dell’istruzione, in questi giorni, sta sfruttando a pieno le potenzialità del web: di maturità 2.0, infatti, si parla nel profilo Twitter ufficiale del Miur nel quale è stato lanciato l’hashtag #quasimaturi volto a tranquillizzare gli studenti.

Intanto, parallelamente ai canali ufficiali, è partita la gara fra siti e forum in voga fra i più giovani per scoprire quali saranno le tracce iniziali di questa maturità 2.0.

Se, infatti, l’utilizzo di un file crittografato fa gola a tanti hacker, non è certo facile intuire dal nulla quali saranno i temi giusti. C’è chi ipotizza figure centrali come Steve Jobs o Nelson Mandela, chi ancora pensa a temi di interesse sociale come Facebook e le sue evoluzioni, chi ancora guarda ai classici che non passano mai di moda.

Ciò che è certo è che fra meno di 48 l’esame di maturità 2.0 verrà sostenuto ancora con la penna fra le mani e senza smartphone. Almeno in teoria!

 

640px-Francesco_Profumo_and_Giorgio_Napolitano