TOBII presenta un ultrabook controllato con gli occhi



Integrare il controllo con lo sguardo nei laptop è stato l’obiettivo primario di TOBII Technology, l’azienda svedese che al CeBit del 2011 presentò il suo primo esempio di rilevazione dei movimenti degli occhi e del tracciamento dello sguardo per il controllo dei Personal Computer. Il più recente prototipo della casa svedese aggiunge alla tecnologia che controlla i movimenti degli occhi a un ForcePad Synaptics, riuscendo a inserire il tutto in un portatile delle dimensioni di un Ultrabook.

Il sistema PCEye per i desktop Windows fa già parte dell’offerta di TOBII e, al CES dello scorso Gennaio, l’azienda ha rilasciato la periferica REX Developer Edition, dedicata agli sviluppatori in ambiente Windows che intendono sviluppare la sua tecnologia. Purtroppo sia il PCEye sia il REX sono troppo grandi per essere inseriti in un computer portatile e anche il prototipo, sviluppato in collaborazione con Lenovo, presentato nel 2011, presentava delle strane protuberanze.

TOBII ha annunciato, recentemente, un nuovo prototipo che include tutta la sua tecnologia profondamente rivisitata in modo da poter essere facilmente inserita in un personal computer portatile dalle dimensioni di un normale ultrabook.

La tecnologia integrata che rileva i movimenti degli occhi consentirà all’utente di puntare, navigare e scorrere le pagine di un documento utilizzando l’interfaccia Gaze di TOBII che combina il controllo dello sguardo con il mouse, la tastiera e il touch mentre l’aggiunta del ForcePad di Synaptics consente anche il controllo della pressione dell’input.

Nei prossimi mesi TOBII ha in programma di organizzare una serie di eventi negli Stati Uniti, Europa e Asia durante i quali presenterà il nuovo prototipo ultrabook per dimostrare le potenzialità della sua tecnologia alla stampa e a eventuali produttori interessati a integrare la sua tecnologia nei futuri device.

Clipboard01