Ubuntu One problemi: mancanza di sicurezza per i dati



Ubuntu 11.04 il sistema operativo completamente gratuito ed open source, decide di regalarci cinque giga in cloud tutti per noi. Con il pacchetto di istallazione ci sarà la possibilità quindi, di attivare Ubuntu One dove si potrà condividere file oppure creare un deposito virtuale quando l’hard disk è troppo pieno o fare il backup del disco fisso persino se si usa Windows. Ma le belle notizie non sono finite qui. Se sul vostro dispositivo mobile, se disponente di una connessione internet gratuita o un abbonamento conveniente, potrete ascoltare le canzoni direttamente accendendo all’account di Ubuntu oppure guardare video ed immagini che avete mandato in upload. E’ inoltre possibile condividere i contenuti stoccati con alcuni utenti in modo che sia più facile interagire e scambiarsi dati.

Detto cosi, sembra davvero che i sistemi Unix ne sappiano una più del diavolo e per loro trattare con i guanti gli utenti sia la parola d’ordine. E’ effettivamente così. L’azienda si impone di essere concorrenziale e competitiva sul mercato. Il problema di Ubuntu One è però che una volta attivato l’account nel quale forniamo i nostri dati personali non è più possibile rimuoverlo dalla rete. Siamo di fatto schedati come utilizzatori. Inoltre i file in esso archiviati se non ben protetti saranno a disposizione di tutti.

Ma lasciate che vi spieghi meglio il perché: poniamo che si decida di condividere con un utente fidato alcune foto: gli diamo la password di accesso e la nostra mail perché l’utente in questione, non dispone di Ubuntu One. La persona, potrà scaricare i dati che gli interessano e visionare i nostri documenti e successivamente non avere più accesso al nostro account nel momento in cui decidiamo di sostituire l’email ad esso associata o la password. Ma restando nella rete i documenti saranno ancora a disposizione di tutti quelli che di un account Ubuntu One dispongono, infatti non c’è adeguata protezione sui file che noi carichiamo. E’ il caso di dire che stavolta gli sviluppatori dovranno lavorare molto per migliorare e rendere più sicura la qualità del servizio offerto.