Google I/O: arrivano le nuove Google Maps.

Le nuove mappe di Big G, presentate agli sviluppatori al Google I/O, promettono di rivoluzionare l’esperienza degli utenti creando, per ogni occasione, una mappa personalizzata e tarata sulle esigenze del momento. Fino a ieri una mappa sul PC, sullo smartphone o sul tablet non era niente di più che la riproduzione digitale e navigabile della vecchia mappa cartacea con l’aggiunta di una serie d’informazioni e ricerche per luoghi o interessi particolari.

Quante volte abbiamo scoperto, quasi per caso, che un negozio di elettronica ben fornito ed economico, un bar per l’aperitivo, una farmacia o un meccanico distano poche centinaia di metri dalla strada che percorriamo ogni giorno per andare e tornare dal lavoro? Le mappe presentate al Google I/O promettono di creare una nuova mappa adattandola ogni volta alle esigenze del momento.

Alla base di tutto una profonda interattività che impara dall’uso quello che ci può interessare. Un esempio, portato all’attenzione degli sviluppatori al Google I/O mi sembra molto interessante. Impostando i nostri punti d’interesse (casa, luogo di lavoro, eccetera) potremo esplorarne i dintorni contrassegnando, e magari recensire, le attività e i luoghi interessanti nei dintorni. Quando creeremo una nuova mappa o un nuovo percorso Google Maps, automaticamente ci consiglierà i luoghi simili sul percorso.

Oltre ad avere la mappa personalizzata potremo sfruttare i consigli e le recensioni degli amici delle nostre cerchie su Google+ per trovare lungo il percorso, le attività commerciali consigliate da chi condivide i nostri stessi interessi. Inoltre, per i vari punti d’interesse segnalati saranno fornite anche brevi schede con le informazioni sugli orari di apertura, sui pareri e le recensioni degli utenti in modo da consentirci di decidere senza perdite di tempo e senza fare inutili deviazioni dove fermarsi per fare la spesa, mangiare o dormire.

Ovviamente sulle nuove Google Maps saranno presenti le sequenze di foto che si riferiscono al luogo che stiamo, virtualmente, visitando ed è prevista, per tutti i browser che, come Google Chrome, supportano il WebGL, l’integrazione con Google Earth in modo da offrire una migliore esperienza tridimensionale.

google-i-o-2013

admin
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica